Breaking News

Pau Lopez: "Speriamo che queste ultime partite ci portino il risultato che vogliamo"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 10-06-2020 - Ore 20:45

|
Pau Lopez:

Pau Lopez, portiere della Roma, ha concesso un'intervista in una diretta Instagram sulla pagina di BcnBest. Queste le sue parole:

Come va il polso?
"Un po' meglio, all'inizio muovere la mano era un po' complicato, ora va meglio. Ci vuole un po' di pazienza".

Cosa cambia col ritorno in campo?
"La Roma ci ha mandato un piano da seguire, tutti i giorni avevamo qualcosa da fare".

La quarantena?
"Il fatto di non sapere quando si poteva tornare a giocare era la cosa più dura".

Come ti allenavi?
"Abbiamo un preparatore fisico specifico per i portieri. Lavoravamo un po' sulla forza, facevamo un po' di allenamento aerobico".

Come hai iniziato a fare il portiere?
"Mio padre faceva il portiere nella squadra del quartiere dove vivevamo e ho deciso di farlo anche io. Prima non mi piaceva come mi piace ora. Ho fatto anche basket a scuola per un periodo ma poi sono tornato al calcio e alla porta e ci sono rimasto fino ad oggi".

 

L'Espanyol?
"È un cambiamento molto grande, per la mia vita ma anche per la mia famiglia. Mi veniva a prendere un taxi a scuola, mi portava agli allenamenti e poi tornavo a casa tardissimo. Mio padre il fine settimana mi accompagnava alle partite per tutta la Catalogna. È stata però una bella esperienza, sono cose che vanno fatte, mi divertivo".

 

Il passaggio in prima squadra?
"Ero molto tranquillo, non avevo la pressione di giocare ogni settimana visto che il primo era Kiko Casilla. Poi dopo la sua partenza è arrivata quella pressione, ma fa parte del calcio. Un portiere deve stare tranquillo, deve controllare le emozioni, deve essere sempre pronto mentalmente".

 

La Roma?
"Non avevo intenzione al momento di andare via dal Betis, la mia famiglia stava benissimo a Siviglia e anche io. Poi però è arrivata la Roma e ho avuto l'opportunità di giocare in un club storico che va sempre in Champions, era difficile dire no. C’erano molti soldi in ballo ed è stata un’ottima operazione anche per il Betis. Non potevo dire no. I tifosi e i compagni mi hanno trattato benissimo. Ci sono giocatori come Dzeko, Pastore, Fazio e Kolarov, è una grande cosa dividere lo spogliatoio con loro".

 

L'italiano?
"Sono arrivato a Roma senza sapere una parola di italiano, ma non ho grandi problemi a imparare le lingue e piano piano parlando col traduttore della Roma, che conosce 8 lingue, sono migliorato".

Un messaggio ai tifosi giallorossi?
"Speriamo che queste ultime dodici partite ci portino al risultato che vogliamo ottenere".

Fonte: Instagram

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom