Breaking News

Walter Samuel annuncia il suo ritiro dal calcio giocato: "Devo ascoltare il mio corpo"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 16-10-2015 - Ore 21:10

|
Walter Samuel annuncia il suo ritiro dal calcio giocato:

Walter Samuel, ex difensore della Roma con cui ha vinto uno scudetto ed una supercoppa italiana, ha annunciato il suo ritiro dal calcio giocato. Ecco le sue parole di addio al calcio, in un’intervista rilasciata a Neue Zürcher Zeitung:

Walter Samuel, come sappiamo che è giunto il momento di porre fine alla carriera ?
"Arriva un momento in cui bisogna ascoltare il proprio corpo. Se tutto fa male, poi anche la mente tende a stancarsi. Ho ancora voglia di giocare, ma ora ho difficoltà fisiche. Ma non è una decisione facile, per niente"

Venti anni di calcio professionistico hanno lasciato tracce. Cosa cambia ora ?
"Ho bisogno di più tempo per recuperare rispetto a prima. I ragazzi il giorno dopo la partita sono di nuovo in forma, io ho bisogno di due o tre giorni. Cerco di fare il meglio, ma non sarà mai come prima"

A Roma, giocavi con Cafu, a Madrid con Zidane, a Milano con Ibrahimovic - i grandi uomini dell'ultimo decennio
"Ho avuto la fortuna di incontrare un sacco di buoni giocatori. Li ho visti come colleghi, non di più. Quando si arriva in un club che lotta per avere successo, non si guarda il nome, sei solo lì per vincere"

Una volta hai detto che il tuo primo allenatore, Marcelo Bielsa, è quello che ti ha influenzato di più. Perché ?
"Perché lui ha una formazione molto specifica per i difensori. Mi ha mostrato come competere nei duelli, come giocare la palla e come affrontare i duelli aerei"

Hai avuto due allenatori importanti come Mourinho e Maradona
"Con Mourinho abbiamo vinto la Champions League. I suoi due anni all'Inter non hanno dato tanto solo al club ma anche a noi giocatori. In pubblico sembrava molto conflittuale, ma noi conoscevamo come era. E Maradona è stato allenatore in Coppa del Mondo in Sud Africa"

Cosa ti mancherà dopo il tuo ritiro nella prossima estate ?
"Lo spogliatoio. Uno è così abituato. E' come a scuola: Non appena si è in vacanza, si desidera tornare di nuovo, parlare con i colleghi, fare scherzi, vedere se qualcuno di nuovo è arrivato"

Non il gioco ?
"Ma ho giocato così tanto. Naturalmente, le emozioni mi mancheranno. Io non sono fatto di pietra, mescolo i momenti nello stadio. Dovrò trovare qualcosa che mi tiene occupato. Sono ancora giovane. Non per fare il calciatore, ma per il resto sì

Fonte: Neue Zürcher Zeitung

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

INSIDEROMA è una testata giornalistica on line di carattere sportivo/informativo/quotidiano con Autorizzazione del Tribunale di TIVOLI n. 182/13 del 05/02/2013
Insideroma.com - ©copyright 2016 | P.I. 1077625100 | Informativa sui Cookie | powered by Damicom S.r.l.
chiudi popup Damicom