La squadra

Ritiro Usa, il diario di viaggio di Coric: "I giorni stanno passando così velocemente, ora abbiamo il Barcellona. È fantastico. Non posso aspettare"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 27-07-2018 - Ore 15:37

|
Ritiro Usa, il diario di viaggio di Coric:

Coric continua con il suo diario di viaggio con gli aggiornamenti dagli Stati Uniti.  Il centrocampista giallorosso parla delle prime esperienze con la sua nuova squadra impegnata nella Coppa dei Campioni del 2018.

"Ovviamente il risultato contro gli Spurs non era quello che volevamo, ma non penso che dovremmo leggerlo troppo. Abbiamo provato qualcosa là fuori, abbiamo guardato un sacco di giocatori per vedere come stiamo andando tutti così avanti in pre-stagione. E abbiamo creato delle occasioni. Personalmente, essendo in campo per il secondo tempo, pensavo che avessimo giocato bene. Ovviamente il risultato è quello che è, ma penso che non spieghi correttamente come fosse il gioco.
Dal punto di vista personale, pensavo di aver fatto abbastanza bene, specialmente perché sono passati alcuni anni da quando ho giocato contro una squadra davvero grande come il Tottenham. Non mi innervosivo, ma prima che iniziasse la partita sentivo decisamente l'attesa, la tensione - avevo di nuovo la pelle d'oca. Ho davvero un sacco di pelle d'oca. Prima della partita mi guardavo intorno, pensando: "Wow, grazie a Dio, ho intenzione di giocare in questo gioco". Ma una volta iniziato, e sono arrivato, non sentivo altro che concentrazione. Mi sono detto: 'Dai Ante, suona. Giocare.'
Ho parlato con il Mister il giorno prima della partita. Mi ha detto: 'Voglio che giochi a sinistra in attacco, è un problema?' Dissi: "Anche se gioco subito, non c'è problema! Io gioco per la Roma, giocherò ovunque! ' Poi mi ha parlato un po 'di ciò che avevo specificamente bisogno di fare, il che mi ha aiutato molto. Perché in Croazia ho giocato in quel ruolo, ma in una posizione più ristretta, non in alto a sinistra come vuole da noi. Poi durante il gioco mi parlava anche molto. Mi stava sempre dicendo 'Vai, vai, vai!' applicare una pressione sul difensore. E ho bisogno di questo, per imparare a farlo ogni volta. Perché è così che giochiamo a Roma, in alto e con la pressione tutto il tempo. So che devo migliorare e voglio migliorare - forse un giorno sarò come Kevin Strootman!
"Il gioco è stato fantastico anche perché la mia maglia aveva il mio nome su di essa per la prima volta. Ero davvero eccitato per questo, ho avuto di nuovo la pelle d'oca! Ciò che era sorprendente era che aveva anche l'accento sulla "C". Non ero sicuro che sarebbe stato lì. Ho la maglietta nella mia stanza, è un'altra che terrò di sicuro. "
"Non è comunque facile con la lingua, ma in realtà non leggo ciò che viene detto su di me o me nei media. Nemmeno in Croazia, perché ho avuto alcuni problemi con i miei commenti riportati nel modo sbagliato. La gente diceva che ero arrogante, a causa delle cose sbagliate che stavano leggendo, quando in realtà quello è l'ultima cosa assoluta che sono. È stata la peggior sensazione per me: puoi chiamarmi qualsiasi cosa, ma non sono arrogante. La mia famiglia, i miei amici che ho sempre avuto, loro sanno. Allora ho provato a smettere di leggere. Quindi le uniche cose che vedo ora sono su Instagram - quando i ragazzi dicono "Bella abilità Ante Coric" con un video o "Molto bene" su un post o simili.
"Ma ho sentito Kevin Strootman che parlava di me, l'altro giorno, dicendo che gli avevo detto che volevo moscare un giocatore più anziano in allenamento - ma che dovevo fermarmi. È vero. Ho in realtà mollato alcuni giocatori in allenamento. Ho preso a biascicare Javier Pastore, ma non mi ha fatto bene. Mi sono scusato con lui subito dopo, perché è un grande giocatore e ho un incredibile rispetto per lui. E in seguito mi sono detto: "Non di più". Perché sul campo è un riflesso, sai: sto solo pensando istantaneamente al modo più veloce o più veloce per muovere la palla, ea volte la noce moscata è l'opzione migliore. Ma dopo due o tre volte non ho detto altro - perché questi sono grandi giocatori di cui ho un enorme rispetto. Meglio perdere la palla in allenamento che inviare un'impressione sbagliata.
"Non ho sentito che il presidente ha detto cose carine su di me alla radio l'altro giorno - non prima di aver scritto questo diario, almeno - ma questo è il genere di cose che voglio sentire! Questo è molto bello per me, il genere di cose che voglio cercare di guadagnare di più in futuro. "
"Ho visto la lista degli incontri annunciata giovedì. È un buon programma, penso, anche se difficile. Torino prima su; Ho visto un sacco di serie A la scorsa stagione, quindi so che sono un lato molto forte e pericoloso. Giocano un po 'come noi, con aggressività e pressione, ma forse di più sul contrattacco. Quindi saranno pericolosi. Sono già molto eccitato per questo gioco. Prima ci sono Barcellona e Real Madrid, ovviamente, ma la Serie A è ciò che stiamo costruendo. È emozionante vedere le partite, vedere quando andrai a San Siro o provare il primo derby. Spero solo di essere in forma allora, sarò selezionato in squadra, potrò sperimentarlo. Ho la pelle d'oca - di nuovo! - Sto solo pensando a tutto!
"In generale, i giorni qui sono estenuanti, ma abbiamo del tempo libero, soprattutto dopo pranzo. Di solito passo il tempo dormendo! Facciamo anche delle cose divertenti - come la Sfera di Tennis Ball l'altro giorno. Il mio punteggio non è stato grande, ma stavo mirando a divertire piuttosto che accumulare un punteggio. Stavo usando il collo del piede, lo sai, lo faccio con stile. Il calcio riguarda bellezza e risultati. Se l'avessi fatto noiosamente, fatto in modo sicuro, avrei ottenuto 80 o 90 facilmente. Ma non si tratta solo di questo.
"La sera, dopo cena, abbiamo un po 'di tempo prima del coprifuoco e io, William Bianda, Justin Kluivert e Patrik Schick di solito lo passiamo giocando a Fortnite o FIFA. Fortnite non è davvero la partita di William. In realtà è piuttosto bravo con la FIFA - non ha alcuna possibilità contro di me, ma è comunque decente - ma Fortnite non è davvero il suo gioco. Sono il migliore di Fortnite? Non direi mai questo - come sul campo, è compito degli altri giudicare. Forse dovresti chiedere a Patrik o Justin. Ma, diciamo solo, penso che sarei menzionato nella conversazione.
"Ma i giorni stanno passando così velocemente. Per tre giorni ero entusiasta del gioco degli Spurs. E ora abbiamo Barcellona. È fantastico. Non posso aspettare. "

Fonte: AsRoma.com

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

INSIDEROMA è una testata giornalistica on line di carattere sportivo/informativo/quotidiano con Autorizzazione del Tribunale di TIVOLI n. 182/13 del 05/02/2013
Insideroma.com - ©copyright 2016 | P.I. 1077625100 | Informativa sui Cookie | powered by Damicom S.r.l.
chiudi popup Damicom