Rassegna stampa

Florenzi al Valencia, Carboni: «Dura all'inizio, ma è la sua fortuna»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 30-01-2020 - Ore 08:37

|
Florenzi al Valencia, Carboni: «Dura all'inizio, ma è la sua fortuna»

IL TEMPO - BIAFORA - Ad oltre vent'anni di distanza un altro capitano della Roma saluta l’Italia per trasferirsi al Valencia. Se oggi è il turno di Florenzi, nel settembre del 1997 era toccato ad Amedeo Carboni lasciare la fascia giallorossa e volare in Spagna per iniziare una fortunata esperienza con un club con cui ha vinto sette trofei e di cui è stato anche direttore sportivo dopo il ritiro. L'ex difensore della Roma ha commentato a Il Tempo la partenza di Florenzi.

Ci sono delle similitudini tra il suo trasferimento e quello di Florenzi?
«Sì, è abbastanza simile. Mi avevano parlato giorni fa di una possibile trattativa, sinceramente mi sembrava un po' strano. Mi sono rivisto in Florenzi. Io venivo da un infortunio abbastanza importante al tendine d’Achille, lui in questo momento, pur essendo il capitano, non era considerato a livello tecnico, era finito dietro a Santon e Spinazzola. Florenzi ha quasi 29 anni, sta per cominciare il meglio del meglio della sua carriera. A questa età si raggiunge l’apice a livello fisico, agonistico, mentale».

È un buon affare per il Valencia?
«Se lo danno via è perché evidentemente la Roma ha fatto i suoi ragionamenti. Il Valencia ha bisogno di un terzino destro, Piccini è infortunato. Florenzi è uno che come me si adatterà benissimo, ne sono convinto. Mi dicono che è un ragazzo per bene, da buoni principi, in campo dà sempre tutto. Sicuramente farà benissimo».

Che cosa vuol dire lasciare la Roma per uno che ne è il capitano? 
«Ultimamente i capitani non sono tanto fortunati a Roma (ride, ndr). È un po' strano, Florenzi, Totti, De Rossi... Però alla base di tutto bisogna saper accettare le scelte tecniche che fa un allenatore e una società. È vero che lui è romano, è romanista ed è il capitano, è difficile, si sta male nei primi tempi. Io non ero di Roma, ma avevo passato sette anni a Trigoria e per due sono stato il capitano, sono stato male. Però poi è stata la mia fortuna, gli auguro di vivere quello che ho vissuto io, si renderà conto  che anche stare all’estero è un vantaggio, dà benefici al giocatore e alla persona».

Che esperienza sarà per Florenzi?
«Valencia è una piazza importante della Spagna. A livello europeo e di titoli ha anche qualcosa di più della Roma, soltanto che Roma è Roma... Non si può descrivere o fare confronti con le altre città, ti prende e ti dà tanto. Quando si va via si soffre. Però tutto passerà, non l’amore per la Roma, ma il gusto di giocare lo troverà presto. Lo stadio è bello e sempre pieno, poi giocherà la Champions».

La cessione è in prestito secco, potrà avere ancora un futuro a Roma?
«Dipenderà molto dal giocatore e da come si sarà trovato. Spero che si adatti in fretta, è un ambiente che ti permette di arrivare meglio alla partita, si troverà benissimo».

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom