Rassegna stampa

Florenzi e Kolarov tandem infaticabile per la riscossa Roma

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 09-03-2018 - Ore 08:19

|
Florenzi e Kolarov tandem infaticabile per la riscossa Roma

LA GAZZETTA DELLO SPORT - ZUCCHELLI - Gli occhiali scuri, come l’amico Bernardeschi accanto a lui. La vigilia di Roma­-Torino, per Alessandro Florenzi, resterà indimenticabile, come per tutti i suoi compagni che ieri erano a Firenze a salutare Davide Astori. Lo spettacolo continua, il calcio pure, e stasera proprio lui e la Roma saranno i primi a scendere in campo dopo la morte del capitano della Fiorentina. «Ciao Davide» sulle magliette, il ricordo dell’Olimpico, i pensieri che vanno e vengono, e allora anche il compleanno, domenica, per Florenzi sarà più triste del solito. Meglio concentrarsi sul pallone, però: stasera come martedì, perché stasera come martedì, salvo sorprese, Florenzi sarà il titolare della fascia destra. A sinistra, invece, ci sarà Kolarov, visto che Silva non è ancora pronto per giocare dal primo minuto. E magari lo fosse, dice Di Francesco, che sa come il serbo avrebbe bisogno di rifiatare. Non lo farà, oggi toccherà ancora una volta a lui, il vero insostituibile della Roma.

A DESTRA – Florenzi, invece, in teoria il sostituto lo avrebbe pure, e cioè l’ex Toro Bruno Peres. Ma il brasiliano gioca poco e non è un punto di riferimento, Alessandro invece sì, e vorrebbe continuare ad esserlo pure in futuro, anche se la trattativa per il rinnovo di contratto non è ancora nel vivo. Nel vivo c’è però questa stagione, con la Championsdel prossimo anno da conquistare e quella attuale da mantenere, e allora pazienza se anche lui avrebbe bisogno di un po’ di riposo. Da quando è rientrato, a metà settembre, ha saltato solo due partite di campionato, contro Chievo e Milan, la sfida contro l’Atletico Madrid in Champions e quella in Coppa Italia, proprio contro il Torino. Per il resto sempre presente, con 17 partite disputate per intero.

RICORDI – Al Torino Florenzi ha segnato due gol, l’ultimo nel 2015, quando in campo con lui c’era Astori, che provò a far vincere la Roma ma il suo tiro, da buona posizione, finì alto. Il rigore di Florenzi, invece, andò dritto in porta, ma non bastò alla Roma che, in piena corsa Champions League, in quella giornata fu scavalcata dalla Lazio scendendo, per la prima volta dopo 68 turni di campionato, sotto il secondo gradino del podio.

A SINISTRA – Stavolta invece sarà diverso, nonostante la corsa Champions dica che la Roma è terza e questa posizione dovrà provare a mantenere, senza pensare all’impegno di martedì sera. Impegno che vedrà ancora una volta Kolarov dal primo minuto. Si è riposato contro l’Udinese, e prima ancora contro il Bologna ad ottobre, in Coppa Italiaera un altro di quelli che non c’era e all’andata è stata una sua pennellata su punizione a regalare tre punti alla Roma. Quella era una squadra che viaggiava col vento in poppa, e che quel giorno raggiunse l’undicesima vittoria esterna di fila, eguagliando l’Inter di Mancini, questa invece, per bocca del suo stesso allenatore, deve sfatare il tabù Olimpico. Dove ci saranno trentamila spettatori, o poco più, e dove l’esperienza di uno come Kolarov può essere determinante. Anche se un po’ più stanco del solito e chiamato, ancora, a fare gli straordinari.

Fonte: LA GAZZETTA DELLO SPORT - ZUCCHELLI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

INSIDEROMA è una testata giornalistica on line di carattere sportivo/informativo/quotidiano con Autorizzazione del Tribunale di TIVOLI n. 182/13 del 05/02/2013
Insideroma.com - ©copyright 2016 | P.I. 1077625100 | Informativa sui Cookie | powered by Damicom S.r.l.
chiudi popup Damicom