Rassegna stampa

Gol? No, assist. Nainggolan s’è geneticamente modificato

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 11-03-2018 - Ore 07:22

|
Gol? No, assist. Nainggolan s’è geneticamente modificato

LA GAZZETTA DELLO SPORT - STOPPINI - Comunque Radja, perché non puoi farne a meno, perché di questa Roma è la parte per il tutto. Capisci lui, capisci che aria tira, come s’è messo in campo Eusebio Di Francesco, come (e se) si è svegliata la squadra quel giorno. Comunque Nainggolan, anche dentro probabilmente la sua stagione meno brillante di sempre in giallorosso. È l’arma tattica nelle mani dell’allenatore, è il toro (mica solo per segno zodiacale) che scateni o trattieni in base alle condizioni della partita. Contro Mazzarri la Roma non la vedeva mai, così alla fine di un primo tempo da mani nella cresta (che non c’è più) Di Francesco ha deciso di spostare Nainggolan nella posizione di trequartista. Magia, Roma sbloccata, password inserita con successo, tre gol, tre punti. E due assist.

MUTAMENTO – Sì, gli assist. Perché siamo di fronte a un Nainggolan geneticamente modificato. Che eccelle dove non ha mai avuto picchi elevatissimi di rendimento. E che invece pecca dove si pensava non avesse rivali, nell’esplosività, nei duelli. Ne resta negli occhi soprattutto uno, della partita di venerdì, sotto la tribuna Monte Mario sul finire del primo tempo, con De Silvestri che ha aggirato il belga senza problemi. Dov’è Radja? Pensi che sia un fatto fisico, ma chissà che non abbia un peso pure la componente psicologica. Perché non può essere che basti uno spostamento in avanti di 15 metri per cambiare radicalmente l’impatto sulla partita. Questo è successo, venerdì. Nainggolan ha segnato il match con due assist in 45 minuti, tanti quanti ne aveva messi insieme in tutto lo scorso campionato (dati Magic Gazzetta ). È una tendenza, non un episodio. E si va accentuando nelle ultime settimane, se è vero che con i due al Torinosiamo a quattro passaggi decisivi nelle ultime quattro partite. In totale Radja è a quota 7 assist: meglio di lui in Serie A solo Luis Alberto e Candreva (8).

MENO MINUTI – Nainggolan incide, in ogni caso. Non lo fa più con i gol (l’anno scorso a questo punto era già a quota 10 stagionali, ora è a 2), si rende utile con l’ultimo passaggio, dote che tra i centrocampisti della Roma non è poi così comune. E Di Francesco può sperare in un finale in crescendo, se è vero che rispetto a Luciano Spalletti edizione 2016-17, il tecnico abruzzese ha spremuto molto meno il belga. Nainggolan ha corso fin qui per 2.623 minuti, un anno fa di questi tempi era già oltre la soglia dei 3mila (3.026’ per l’esattezza). Ergo: c’è ancora benzina, il punto è che Nainggolan si sta rapidamente trasformando da un’auto di rally a una di Gran Turismo. Ora sta a Di Francesco, di volta in volta, metterlo nelle condizioni migliori di far male all’avversario. Un po’ mezzala, un altro po’ trequartista. Comunque Radja.

 

 

Fonte: LA GAZZETTA DELLO SPORT - STOPPINI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

INSIDEROMA è una testata giornalistica on line di carattere sportivo/informativo/quotidiano con Autorizzazione del Tribunale di TIVOLI n. 182/13 del 05/02/2013
Insideroma.com - ©copyright 2016 | P.I. 1077625100 | Informativa sui Cookie | powered by Damicom S.r.l.
chiudi popup Damicom