Rassegna stampa

La lezione di Orsato (l'autorevolezza non è un cartellino)

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 28-10-2019 - Ore 09:16

|
La lezione di Orsato (l'autorevolezza non è un cartellino)

LA GAZZETTA DELLO SPORT - Presenza e personalità: sono questi, in partite senza episodi particolarmente spinosi, gli ingredienti chiave per un buon arbitraggio. Perché quando l’arbitro è in buona posizione e vede direttamente un episodio riduce al minimo le possibilità di contestazioni. A darne un ottimo esempio è stato Daniele Orsato, ieri all’Olimpico per Roma-Milan. L’arbitro di Schio non ha perso un pallone per gli oltre 90 minuti di partita. Non solo, in un episodio ha dimostrato quanto per farsirispettare un direttore di gara possa fare a meno dei cartellini: al 26’ Musacchio, lanciato verso l’area, dà una manata a Dzeko. Il romanista risponde - rischiando grosso - mettendo la mano al collo del milanista in area e a gioco fermo. Le alternative per l’arbitro c’erano. Senza dare tante spiegazioni sarebbero potuti volare i gialli, forse anche qualcosa di più: Orsato ha invece preso la situazione in mano, ha ripreso con un forte richiamo i due e tanto è bastato.

Fonte: LA GAZZETTA DELLO SPORT

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom