Rassegna stampa

Monchi torna a Siviglia: in valigia danni e soldi

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 18-03-2019 - Ore 07:08

|
Monchi torna a Siviglia: in valigia danni e soldi

IL MESSAGGERO - FERRETTI - «Ci vediamo al Circo Massimo?», disse una volta a un gruppo di tifosi, facendo come sua abitudine lo splendido («Vi vengo a prendere uno a uno...»). Meglio di no, verrebbe da consigliargli, vista la stretta attualità. Ramón Rodríguez Verdejo, detto Monchi, è tornato ufficialmente alla guida sportiva del Siviglia: il lutto per l'addio all'Italia è durato la bellezza di nove giorni. La Roma è ridotta a brandelli soprattutto per le sue sciagurate operazioni di mercato, lui invece se la ride. C'est la vie. Accolto nella Capitale come un fuoriclasse del mestiere, Monchi se ne è andato lasciando danni incalcolabili sfruttando l'esonero ordinato da Jim Pallotta(e Franco Baldini) di Eusebio Di Francesco (la logica ci spinge a pensare che lo porterà immediatamente in Spagna, o no?). Non una parola, tranne un comunicato di bugiarda maniera, ma - raccontano - senza null'altro pretendere dal punto di vista economico. Lodevole, se non fosse che per i suoi due anni scarsi con la divisa della Roma ha incassato 1.939.515,00 euro per la prima stagione (assunzione il 26 aprile 2017 ma stipendio per tutto l'anno), 1.050.000,00 euro per la seconda e circa la metà da luglio 2018 fino all'8 marzo scorso, giorno della separazione dalla Roma. Senza contare un bonus da 1.454.000,00 euro previsto alla fine della passata stagione per il raggiungimento di determinati obiettivi sportivi: con la semifinale di Champions League e il terzo posto in campionato, va da sé che Monchi ne ha incassata una bella fetta. Tutto al lordo, per carità.

 
LA VERITÀ SU ZANIOLO - Alla Roma ha movimentato decine e decine di milioni di euro e un fitto gruppo di calciatori, toppando quasi tutte le scelte in entrata. Sfortunato, forse. Chissà. Come nel caso del Flaco Pastore, mister polpaccio di seta, pagato 24,7 milioni con stipendio di oltre 4 milioni netti a stagione fino al 2023. Gli riconoscono l'abilità di aver portato a Roma il talento Zaniolo, salvo ricordare che lui all'Inter aveva chiesto il portiere Radu (è stato lo stesso Monchi a svelarlo) e che voleva dar via Zaniolo già poche settimane dopo averlo preso. Ultimo giorno di mercato, un'ora alla fine delle contrattazioni: Monchi chiama il fido Balzaretti e gli dice di contattare al volo il direttore sportivo di una società di Serie A del Nord. Detto, fatto. «Vuoi Zaniolo in prestito secco?». Non mi dai neppure un diritto di riscatto?. «No, prestito secco». Non se ne fece niente. Zaniolo, dunque, è rimasto alla Roma solo perché non si è trovata la formula della cessione. Il resto sono chiacchiere andaluse.

Fonte: IL MESSAGGERO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

INSIDEROMA è una testata giornalistica on line di carattere sportivo/informativo/quotidiano con Autorizzazione del Tribunale di TIVOLI n. 182/13 del 05/02/2013
Insideroma.com - ©copyright 2016 | P.I. 1077625100 | Informativa sui Cookie | powered by Damicom S.r.l.
chiudi popup Damicom