Rassegna stampa

Nuno Campos: "Abbiamo un'idea di gioco che non guardiamo all'errore ma alla soluzione"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 18-04-2020 - Ore 08:30

|
Nuno Campos:

Nuno Campos, assistente allenatore di mister Fonseca alla Roma, ha rilasciato alcune dichiarazioni nella giornata di ieri in una diretta organizzata da Rémulo Jònatas dal titolo Quarantena de Bola su LATERELASESQUERDO. Romano ha parlato del proprio modi di vivere il calcio e di come si sia dovuto adattare una volta arrivato nella Capitale questa estate al gioco della Serie A. Queste le sue parole.

Differenza tra il campionato ucraino e quello italiano?

"In Ucraina potremmo giocare sempre allo stesso modo. Potremmo sempre fare il nostro lavoro secondo la nostra idea e finire per vincere con una certa facilità. Qui in Italia è fondamentale prestare attenzione ad alcune sfumature dell'avversario, ma non ci adattiamo. Quello che facciamo sono sfumature strategiche."

Come fare ad adattarsi?

"Quando cambiamo contesto, dobbiamo capire rapidamente dove vogliamo andare e cosa adattare nella nostra idea di gioco a causa delle diverse caratteristiche del campionato, senza mai perdere le grandi idee del nostro gioco. Naturalmente, le sfumature sono una crescita della nostra idea di gioco."

Come adattare il modo di giocare quindi?

"Il nostro modo di giocare si adatta facilmente a contesti con una o l'altra indicazione in campo, ma in Italia le squadre cambiano continuamente e quindi dobbiamo avere la capacità di rispondere a questi vincoli dell'avversario."

Cosa significa attaccare con più giocatori?

"Quando attacchiamo con più giocatori significa che siamo più coraggiosi, ma per questo abbiamo anche meno giocatori indietro nel caso in cui perdiamo la palla."

Cosa pensa della filosofia di gioco di Simeone?

"Non è che Simeone abbia torto, anche perché allena una delle migliori squadre in fase difesa, ma preferisco che la mia linea difensiva sia più alta, in modo che la palla vada più lontano dall'area."

Quanto è importante il ruolo del tecnico nel prendere una decisione?

"Una volta che il mister prende una decisione, che noi siamo d'accordo o meno, è una decisione di tutti e non ci possono essere dubbi nel trasmettere informazioni ai giocatori. Non ci sono allenatori di successo con dubbi, lasciamo i dubbi alla porta dello spogliatoio."

Come deve giocare un allenatore per vincere secondo lei?

"Non c'è un allenatore, soprattutto non quello professionista, che voglia giocare solo per avere la palla. Ogni allenatore vuole vincere e nel miglior modo possibile!"

Quale è il ruolo che deve avere un assistente?

"Il ruolo dell'assistente è quello di sollevare dubbi e domande, ma soprattutto di avere la possibilità di cambiare il chip dopo l'incontro con l'Head Coach."

Quanto è importante trasmettere la propria idea di gioco alla squadra?

"In primo luogo, finché il nostro team non ha le idee chiare, non è facile cambiare i sistemi e portare risultati positivi, poiché non c'è ancora conforto in ciò che si lavora e cambiamo i sistemi, porta ancora più sfiducia."

Il ruolo dei giocatori nel vostro schieramento?

"Più linee di passaggio diamo al giocatore, più capacità avrà di sviluppare la sua capacità di decisione. Le caratteristiche dei giocatori hanno bisogno di tempo per adattarsi al modello di gioco dell'allenatore."

L'importanza di avere una società alle spalle del progetto?

"Il Club dovrebbe avere un'idea chiara di ciò che vuole, e avendo un'idea chiara di ciò che vuole dovrebbe valorizzare i giocatori e la squadra, dovrebbe poi definire un modello di giocatore per quell'idea e, soprattutto, assumere un allenatore che sia il volto dell'idea. Altrimenti si ha tutto per andare storto. Con poche eccezioni, dove i giocatori si adattano."

Come si imposta il gioco rispetto ai giocatori in rosa?

"Abbiamo dei momenti, come allenatori, in cui dobbiamo trovare delle soluzioni. Guardiamo le caratteristiche dei giocatori, non cambiamo il nostro gioco, ma cerchiamo di sfruttare al meglio i giocatori all'interno del nostro gioco."

Come si vedono i giocatori nel vostro schieramento?

"I giocatori si rivelano solo se lavoriamo le linee di passaggio e vengono girati in avanti ed è legato a cose semplici come girare il collo per vedere se l'avversario arriva. Abbiamo un'idea di gioco che non guardiamo all'errore ma alla soluzione."

Quale è la cosa più importante del suo lavoro?

"La ricchezza dell'essere aggiunto e la conoscenza che ognuno può portare al capo allenatore credo sia la cosa più importante per un allenatore."

Qual'è quindi la filosofia della vostra squadra?

"Il nostro modo di attaccare, le nostre posizioni in campo, servono ad attaccare la linea difensiva e a creare il dubbio nell'avversario. Per creare il dubbio, dobbiamo minacciare nel corridoio centrale, ma anche nel corridoio laterale. Se l'avversario chiude il corridoio centrale, dobbiamo avere soluzioni all'esterno, ma se l'avversario chiude i corridoi laterali, dobbiamo avere la possibilità di entrare dall'interno."

Come far migliorare i giocatori in rosa?

Dobbiamo attenerci al miglioramento individuale e collettivo, nessun giocatore deve essere castrato e i giocatori devono scoprire lo spazio, perché scoprano che possiamo dare i consigli. Non si tratta solo di dire "Possiamo solo andare da quella parte", perché se lo diciamo e l'avversario chiude quella linea di passaggio, il giocatore blocca.

Quanto è importante il vostro lavoro di tecnici?

"Dobbiamo essere competenti in tutto. Per farlo, dobbiamo padroneggiare, allenarci, formare, dare feedback, riaddestrare, video, mostrare e insistere sull'idea attraverso la ripetizione."

A cosa serve la prima fase di costruzione della manovra?

"La prima fase di costruzione serve per creare spazi e poi attaccare con molti giocatori."

L'importanza di una buona difesa?

"Difendere bene non è in relazione con l'altezza del blocco, ma con il minor numero possibile di giocatori e, a mio avviso, il più lontano possibile dalla porta. Difendere bene, il più lontano possibile dalla propria porta è un'arte!"

Come reputa questa idea di gioco?

"Forse abbiamo questa idea di gioco un po' azzardata e audace, ma  l'assunzione di rischi parte dalle nostre esperienze."

Come gestite l'avversario?

"Quando guardiamo i nostri avversari, giochiamo ogni 3 giorni, la grande sfida è, internamente, la discussione delle soluzioni per combattere i problemi posti dall'avversario."

Come si fa ed essere un bravo "stratega"?

"Essere uno stratega non è importante, quello che cambia tutto è saper fare una strategia a seconda dell'avversario. La strategia deve essere quella di sfruttare i punti deboli e di annullare un punto di forza dell'avversario che identifichiamo nell'osservazione."

Come si trasmette la propria idea di gioco?

"Quando si trasmette un'idea bisogna essere totalmente sicuri e padroneggiarla prima di trasmetterla, altrimenti si corre il rischio di cadere nell'incredulità e di essere messi in discussione."

Quali sono i punti fondamentali della fase difensiva?

"Ci sono due cose molto importanti in una transizione difensiva: la reazione alla perdita del possesso e soprattutto la preparazione alla perdita della palla che è come o più importante della reazione alla perdita stessa."

Fonte: LATERELASESQUERDO.COM

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom