Rassegna stampa

Con la Juventus saluto all’Olimpico. Ora i possibili addii

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 13-05-2018 - Ore 08:19

|
Con la Juventus saluto all’Olimpico. Ora i possibili addii

LA REPUBBLICA - FERRAZZA - Strootman, Florenzi, Pellegrini: per un Nainggolan che ribadisce un giorno sì e l’altro pure come per lui la partita contro la Juventus non sia come le altre, ci sono altre tre giocatori che, chi da più tempo chi meno, a Torino vorrebbero volentieri. Pjanic, Benatia e Szczesny (ieri ha annunciato la prossima paternità) sono già bianconeri e anche a loro non dispiacerebbe vedere qualche ex compagno fare lo stesso percorso, ma la Roma proverà a resistere in tutti i modi.
Molto, se non tutto, dipenderà però dalla volontà dei giocatori: Strootman, che piace anche all’Inter di Spalletti, ha una clausola, così come Pellegrini e se volessero potrebbero andare ovunque a giugno. L’olandese però, a Pinzolo due anni fa, ha detto che alla Juve non andrebbe mai e, considerando il rapporto strettissimo che ha con Roma e i romanisti, la sensazione è che davvero sia così.

Ieri Di Francesco ha ammesso come la rivalità con la Juventus sia meno forte rispetto al passato, ma i bianconeri sono comunque un rivale storico e allora appare difficile che anche un romanista come Pellegrini possa volare a Torino. Rispetto a Strootman, però, l’interesse di Allegri va avanti da tempo, non a caso Monchi sta lavorando per riformulare il contratto. Anche lui ha una clausola (dovrebbe arrivare a 28 milioni a fine stagione), tra una settimana si sposerà, il suo futuro è davvero tutto da scrivere.
La fede al dito ce l’ha già da tre anni Florenzi: il rapporto con la moglie è saldissimo, quello con la Roma invece sembra vacillare. Il suo contratto scade tra un anno, i negoziati con il club sono ancora agli inizi, a Torino, così come all’Inter o in Premier, sono alla finestra. Perché un jolly così, nel pieno della carriera ( ha compiuto da poco 27 anni), italiano e in scadenza nel 2019, nel calcio di oggi è merce rara, rarissima. Saranno mesi intensi, che inizieranno stasera, subito dopo il saluto ai 55mila dell’Olimpico. Alessandro è romanista da sempre, chissà se all’inizio della prossima stagione avrà scelto di esserlo per sempre.

Fonte: LA REPUBBLICA - FERRAZZA -

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom