Rassegna stampa

Stadio, il Comune convoca i privati: «Ma la decisione slitta a settembre»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 24-07-2018 - Ore 08:07

|
Stadio, il Comune convoca i privati: «Ma la decisione slitta a settembre»

IL MESSAGGERO - L. DE CICCO - L’inchiesta interna annunciata da Raggi è ancora in alto mare, i tecnici hanno appena cominciato a scandagliare i faldoni sul progetto del nuovo stadio, eppure Eurnova non molla la presa sull’operazione Tor di Valle. Ieri pomeriggio i nuovi vertici della società si sono affacciati in Campidoglio. Non c’era ovviamente Luca Parnasi, il costruttore finito ai domiciliari per corruzione insieme allo stato maggiore del gruppo. A salire le scalette accanto alla Lupa, oltre al diggì giallorosso Mauro Baldissoni, c’era il terzetto di esperti nominato alla guida della società dopo il ciclone giudiziario: quindi il nuovo amministratore delegato Giovanni Naccarato, il nuovo presidente Riccardo Tiscini, e il consigliere d’amministrazione Giovanni Sparvoli. Raggi non si è fatta vedere, c’erano invece l’assessore all’Urbanistica, Luca Montuori, e il direttore generale del Campidoglio, Franco Giampaoletti, amico di Lanzalone e citato più volte nelle carte dell’inchiesta, anche se non è indagato. L’incontro era stato chiesto dall’amministrazione comunale, dopo la maxi-retata del mese scorso, per sapere chi fossero a questo punto i referenti di Eurnova dato che gli arresti in batteria avevano decapitato i vertici societari. Da Palazzo Senatorio spiegano che quello di ieri è stato un incontro rapido, più che altro per prendere contatti. I nuovi amministratori si sarebbero sentiti dire che il progetto potrà andare avanti solo se non verranno fuori crepe nella ricognizione affidata ai tecnici comunali. Una due diligence che difficilmente finirà prima di settembre, nel migliore dei casi. Le incognite sono tante. A partire dal futuro di Eurnova. C’è l’ipotesi di vendere i terreni di Tor di Valle anche senza la variante urbanistica del Comune, un atto che avrebbe dovuto essere votato a inizio luglio e che dopo gli arresti è stato depennato dai lavori dell’Assemblea capitolina. Tanti consiglieri M5S a Raggi lo hanno detto: così non si può andare avanti.

Fonte: IL MESSAGGERO - L. DE CICCO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

INSIDEROMA è una testata giornalistica on line di carattere sportivo/informativo/quotidiano con Autorizzazione del Tribunale di TIVOLI n. 182/13 del 05/02/2013
Insideroma.com - ©copyright 2016 | P.I. 1077625100 | Informativa sui Cookie | powered by Damicom S.r.l.
chiudi popup Damicom