Rassegna stampa

Stadio della Roma, Finanza in Comune: si cerca il parere segretato dell'Avvocatura

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 30-01-2020 - Ore 08:42

|
Stadio della Roma, Finanza in Comune: si cerca il parere segretato dell'Avvocatura

IL TEMPO - DI CORRADO, OSSINO - «Io ho fatto tutto correttamente. Al contrario chi mi ha accusato non conosce evidentemente la legge, né ha idea degli argomenti di cui per mesi si è spacciato esperto. Ancora una volta la decisione del Tribunale ha spazzato via tutto il fango che hanno tentato di gettarmi addosso». Ha parlato troppo in fretta Virginia Raggi, commentando ieri su Facebook il decreto con cui il giudice delle indagini preliminari di Roma, Costantino De Robbio, ha disposto la sua archiviazione dall'accusa di abuso d'ufficio contestatale inizialmente dalla Procura in relazione all’iter amministrativo per la realizzazione del nuovo stadio giallorosso a Tor di Valle.

Pur non avendo coinvolto sin dal primo momento il Consiglio capitolino, sul fronte penale - come scrive il   gip - «non vi sono elementi per desumere che la sindaca di Roma abbia intenzionalmente agito per favorire qualcuno». Lo scenario, però, è diverso sul fronte contabile. Anche i pm della Corte dei conti del Lazio, infatti, stanno indagando sugli atti amministrativi che ruotano attorno al progetto del nuovo stadio della Roma. La Guardia di Finanza ha avuto la delega ad acquisire in Campidoglio i documenti della Conferenza di servizi, il progetto con le planimetrie e tutti i calcoli sulle cubature dell’impianto sportivo. Ma soprattutto i finanzieri andranno a cercare il parere chiesto nel gennaio 2017 all’Avvocatura capitolina dalla Raggi - su input dell’ex assessore all'Urbanistica Paolo Bardini - e poi segretato dalla sindaca.  Quell’atto sparito nel nulla illustrerebbe la «exit-strategy» pensata dai legali del Comune - a cominciare dall'avvocato Andrea Magnanelli - per svincolarsi dal progetto Tor di Valle senza rimanere imbrigliati in un contenzioso giudiziario milionario.

L'inchiesta contabile è stata azionata dagli esposti dei comitati dei cittadini e da alcuni consiglieri regionali MS5S contrari a quel progetto. Altro filone d’indagine collegato allo stadio giallo-rosso è quello che riguarda Luca Lanzalone, il «Mister Wolf» di Virginia Raggi, chiamato dal vertice del Movimento per mandare in porto il progetto di Luca Parnasi. I finanzieri hanno spulciato l’agenda degli appuntamenti dell'avvocato genovese. Ne è emerso che Lanzalone, anche dopo essere stato nominato dalla sindaca presidente di Acea, si presentava regolarmente in Campidoglio - dove sembra avesse una stanza a sua completa disposizione - a dispetto di un possibile conflitto d'interessi tra i due ruoli ricoperti.

Fonte: IL TEMPO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom