Rassegna stampa

Il futuro è azzurro, l'Italia Under 19 si gioca l'europeo. Il movimento vola

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 28-07-2018 - Ore 08:55

|
Il futuro è azzurro, l'Italia Under 19 si gioca l'europeo. Il movimento vola

LA GAZZETTA DELLO SPORT - M. CALABRESI - Il dato, prima di tutto. Negli ultimi 10 anni, solo la Spagna nel 2010 e l’Inghilterra nel 2017 erano riuscite a portare entrambe le Under (19 e 17) a giocarsi la finale di un Europeo. L’Italia si è messa in coda: ha perso la prima, il 20 maggio a Rotherham (Inghilterra) con l’Olanda, proverà a prendersi la rivincita domani, in Finlandia, con l’Under 19, il confine tra il settore giovanile e il calcio dei grandi. «A traguardi come questi non si arriva per caso», è la frase che esce più spesso da Via Allegri. «E i recenti risultati dimostrano che quello del settore giovanile azzurro è un percorso di successo — dice il d.g. della Federcalcio, Michele Uva — Il titolo Under 19 è un obiettivo, ma non deve determinare la valutazione della bontà di un programma pluriennale».

NUOVO CLUB ITALIA

 La Federazione, da otto anni, ha avviato un lavoro totale sulle Nazionali. Nel 2010 fu nominato coordinatore Arrigo Sacchi: Maurizio Viscidi è stato il suo vice, così come ha collaborato con Antonio Conte dal 2014 al 2016, prima di diventare lui stesso il responsabile del settore giovanile azzurro. Nel 2015, poi, è stato ristrutturato il Club Italia, con quattro nuove aree: Performance, Medica, Match Analysis e Scouting, ognuna affidata a eccellenze del settore (Di Salvo, Ferretti, Gagliardi e Sandreani). La macchina federale dello scouting porta alla visione di 50-60 partite ogni weekend, di diverse categorie, per un totale di 100-120 squadre e 2.000 giocatori. L’enorme database che si crea contribuisce al monitoraggio costante dei calciatori fin dall’Under 15, la categoria più giovane ad avere una Nazionale. A questo si è aggiunta la match analysis, sempre più importante e diffusa nel calcio del terzo millennio: le sedute video, sia per studiare se stessi che gli avversari, hanno assunto un’importanza pari all’allenamento in campo. L’area Medica e quella Performance viaggiano di pari passo: in questi giorni così pieni di impegni, il preparatore atletico (Vincenzo Pincolini) e lo staff medico sono alle prese con il recupero fisico dei ragazzi, che domani giocheranno la quinta partita in due settimane, a metà luglio.

TECNICI E CLUB 

La riforma dei campionati giovanili, decisa dalla Figc e dal suo Settore Giovanile e Scolastico, ha anche elevato la competitività dei ragazzi: è stato istituito un campionato Under 16 tra l’Under 15 e l’Under 17, con queste ultime due categorie che sono state divise tra Serie A-B e Serie C. Tra i tecnici federali, a Coverciano, il contatto è costante: si lavora di squadra, non sullo stesso sistema di gioco ma sugli stessi principi. Gli allenatori hanno un rapporto tra loro, ma anche con gli allenatori delle squadre di club. Un rapporto «livello su livello»: i tecnici parlano con i colleghi, Viscidi con i responsabili dei settori giovanili, i medici con i medici, e così via. In Figc, questo è ritenuto un passaggio fondamentale, per condividere uno stile di calcio: anche qui, non il modo di giocare, ma la metodologia di lavoro.

SVILUPPO

 «A settembre — sottolinea Uva — sarà presentato un piano triennale di sviluppo. La Federazione negli ultimi anni ha chiuso bilanci in attivo e messo da parte soldi che stiamo investendo nei settori centrali di sviluppo: Club Italia, Settore Tecnico e Settore Giovanile e Scolastico, a livello maschile e femminile». Il piano che ha portato la Nazionale Under 19 a giocare la finale dell’Europeo, invece, è partito cinque anni fa, con l’Under 15: del gruppo a disposizione di Paolo Nicolato, solo tre (Zaniolo lo scorso anno, Tonali e Brignola pochi mesi fa) sono state le novità rispetto al blocco che negli anni è arrivato a giocare assieme quasi 50 partite internazionali. A osservare gli azzurrini, in Finlandia, in questi giorni ci sono anche i tecnici della federazione tedesca, che ha inviato suoi uomini a «spiare» il lavoro quotidiano delle altre nazionali. Tra cui l’Italia, della quale in Germania non si sono riusciti a spiegare i progressi in tempi così brevi. Eccoli spiegati: e se la scuola tedesca studia la scuola italiana, significa che abbiamo davvero imboccato di nuovo la strada maestra.

Fonte: LA GAZZETTA DELLO SPORT

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

INSIDEROMA è una testata giornalistica on line di carattere sportivo/informativo/quotidiano con Autorizzazione del Tribunale di TIVOLI n. 182/13 del 05/02/2013
Insideroma.com - ©copyright 2016 | P.I. 1077625100 | Informativa sui Cookie | powered by Damicom S.r.l.
chiudi popup Damicom