Black carpet

Una splendida Italia supera la Spagna . A Saint Denis è 2-0, ora testa alla Germania

condividi su facebook condividi su twitter 27-06-2016

| | Commenti →
Una splendida Italia supera la Spagna . A Saint Denis è 2-0, ora testa alla Germania

(E.Bandini) - Un’Italia davvero splendida stritola la Spagna e vola ai quarti di finale, che si giocheranno il 2 luglio a Bordeaux contro la Germania. Saint Denis si tinge d’azzurro grazie alle reti di Giorgio Chiellini e ancora una volta, gol fotocopia dell’esordio,  di Graziano Pellè. Un primo tempo veramente formidabile, esaltato dal guizzo dello juventino. Unica macchia un arbitraggio scandaloso e un momento di grande sofferenza nel cuore delle ripresa, risolto poi da un Gigi Buffon magnifico. Antonio Conte azzecca i cambi Insigne e Darmian, che hanno confezionato in pieno recupero l’azione da applausi del secondo. Il c.t. al termine della gara completamente afono avrà perso sicuramente le coronarie. L’Italia sul piano tattico è stata perfetta, molto concentrata ma allo stesso tempo serena: squadra chiusa soprattutto a centrocampo per non lasciare triangolazioni agli spagnoli. La chiave fondamentale della partita che ha bloccato le Furie Rosse è stata una: Florenzi e De Sciglio, preferito a Darmian, in linea ai tre centrali azzurri appena la Spagna prendeva in mano il pallino del gioco palla, con De Rossi a proteggere il cuore della lunetta azzurra e Parolo come un’ombra su Iniesta. E’ proprio la difesa a 5 che ha regalato a Conte le gioie più grandi nella sua carriera. Gli azzurri sono stati però molto bravi anche nelle rapide ripartenze, grazie anche alla determinazione di un Emanuele Giaccherini in forma smagliante. La coppia d’attacco Pellè-Eder ha mostrato tutte le proprie qualità facendo emergere il ruolo fondamentale che ha per questa squadra. La Spagna in particolar modo nel primo tempo ha sofferto eccome il bel gioco italiano: Morata la davanti sembrava completamente spaesato in mezzo ai due mostri Bonucci e Chiellini. Ma anche in difesa Sergio Ramos ha mostrato di essere in grandissima difficoltà, a momenti si faceva anche un autogol. Ma proprio da un suo fallo su Pellè al limite dell’area di rigore che nasce la punizione dell’1-0. Eder con un missile terra-aria brucia le mani a David De Gea, Giaccherinisi avventa sulla respinta ma il tap in vincente è quello di Chiellini. L’Italia però anche lei ha avuto dei momenti di appannamento: nel secondo tempo la Roja prende metri e schiaccia gli azzurri, colpevoli di non trovare il 2-0 in ripartenza. Allora tocca a Buffon salvare i propri compagni prima su Aduriz e  Ramos, poi con tre parate da alieno su Iniesta e Piquè. Qui allora Conte mostra coraggio e tutta la sfrontataggine buttando nella mischia Insigne e Darmian per Eder e De Rossi. Questi due cambi regaleranno il raddoppio all’Italia, che dopo 22 anni riesce a sconfiggere la Spagna. 

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom