Cool tura

L'amianto provoca il tumore alle ovaie?

condividi su facebook condividi su twitter 28-05-2018

| | Commenti →
L'amianto provoca il tumore alle ovaie?

 

Il tumore alle ovaie è una delle forme di cancro maggiormente diffuse negli ultimi anni, si basti pensare che solo in Italia colpisce ogni anno circa 4.500 donne.

Nonostante i numeri allarmanti inerenti alle donne che ne sono affette, il cancro alle ovaie ha comunque dei buoni margini di sopravvivenza, parliamo infatti del 45% se diagnosticato in fase avanzata, mentre se diagnosticato in fase iniziale l'indice di sopravvivenza aumenta fino a raggiungere l'85%.

Gli esperti si interrogano sulle origini della malattia da sempre e sono alla ricerca continua di informazioni che possano portare alla scoperta di una cura definitiva, ma tornando un passo indietro proviamo a scoprire quali sono le origini del tumore alle ovaie.

Il primo fattore da tenere in considerazione è senza ombra di dubbio il patrimonio genetico, è affermato che per contrarre una patologia tanto invalidante basta avere una naturale predisposizione genetica.

Ma alla genetica si somma anche l'esposizione ad alcuni cancerogeni come in questo caso polveri e fibre di amianto.

Secondo l'ultima monografia rilasciata dallo IARC (International Agency for Research on Cancer)  l'amianto è un agente eziologico in grado di provocare non solo il cancro alle ovaie ma anche altri tipi di tumore, sono, infatti, molte le donne decedute a causa di questa forma di tumore in seguito all'esposizione a polveri di asbesto per motivi professionali.

Per effettuare la diagnosi del tumore alle ovaie si ottiene con un'ecografia pelvica e con il controllo dei marcatori tumorali  ma è consigliata anche la tac addominale ed eventualmente una Pet in modo da valutare anche le aree ad elevata attività metabolica.

Mentre per curare il tumore alle ovaie viene adoperata la chirurgia, dopo l'intervento chirurgico è quasi sempre obbligatorio sottoporsi anche ad un trattamento di chemioterapia.

L'Inail (Istituto nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro), ha istituito proprio alla luce di questa situazione tre tabelle o più comunemente chiamate liste, nelle quali sono inserite le principali patologie asbesto correlate e tra queste troviamo anche il tumore alle ovaie.

Il cancro alle ovaie è inserito infatti nella LISTA I e grazie a questo le donne che hanno contratto tale patologia a causa di un'esposizione professionale a fibre di amianto, potranno richiedere: risarcimento danniindennizzo inail oppure rendita inail.

L'Osservatorio Nazionale Amianto, associazione onlus che tutela da quasi 20 anni le vittime di amianto, ha istituito uno sportello Nazionale Amianto per aiutare anche le donne che hanno contratto questo tipo di patologia, è possibile contattare l'associazione o attraverso il sito internet istituzionale o chiamando al numero verde: 800 034 294.

Fonte: Ufficio Stampa Ona

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom