Dietro la lavagna

Roma 1-0 Cagliari | Le pagelle di Piero Torri

condividi su facebook condividi su twitter 23-01-2017

| | Commenti →
Roma 1-0 Cagliari | Le pagelle di Piero Torri

Szczeny sv

In lavanderia dovrà andare una maglia in meno. Quella di Coso che stavolta è costretto a fare lo spettatore non pagante, garantito davanti da una difesa che non lascia nulla agli avversari. Si fa notare soltanto per un'uscita di testa dove ci fa trattenere il fiato perché il pallone lo liscia o quasi, ma nessuna paura, dietro c'è il Comandante Fazio che non ti dà neppure il tempo di impaurirti. E così siamo alla terza partita consecutiva senza subire gol. Avanti così.

Manolas 6,4

Si vede che non è al top della condizione, ma pure così rimane un difensore che raramente lascia qualche cosa agli avversari. All'inizio Spalletti lo posiziona come centrodestra nella difesa a tre, poi quando passa a una linea a quattro lo stringe al centro, sempre sulla destra. In ogni caso dove lo metti il suo lo garantisce pur con qualche scivolata di troppo.

Fazio 7,3

Pare che a Londra, sede del Tottenham, più lo vedono giocare e più non si capacitano di come si siano fatti sfuggire questo corazziere della difesa, autentico dominatore sulle palle alte. E' sempre più il Comandante di una difesa che si è trasformata nello spazio di pochi mesi. Da un punto di vista fisico è devastante e quando c'è da uscire con il pallone tra i piedi, sa sempre cosa farne.

Rudiger 6,6

Stavolta l'allenatore lo propone sul centro sinistra nella linea a tre, un ruolo inedito per il tedescone che fa un po' fatica a trovare la posizione. Quando Spalletti lo riporta a destra, sulla fascia, l'ex dello Stoccarda torna a essere il prepotente difensore a cui ci siamo abituati. Se migliorasse un po' nei cross, potrebbe essere ancora più devastante. Anche se proprio da un suo cross nasce il gol partita. Una cosa è certa: i suoi margini di miglioramento sono ancora enormi.

Bruno Peres 6,3

Combina due-tre sciocchezze che ti verrebbe voglia di entrare in campo e prenderlo a calci nel sedere. Ma fa anche diverse cose positive, come per esempio un assist di qualità a Dzeko. Nella ripresa fallisce un gol a un metro dalla linea bianca quando l'Olimpico stava già festeggiando, ma questo fa parte delle scelte che non sempre azzecca. Può crescere tantissimo, Spalletti pensaci te.

De Rossi 6,7

Nei primi quaranta minuti è il migliore della Roma, l'unico giallorosso che sembra avere le idee chiare, dando a Dzeko anche la più nitida palla gol del primo tempo. Sporca la sua prestazione poco prima dell'intervallo con un paio di errori inspiegabili. Nella ripresa torna su buoni livelli garantendo come sempre equilibri tattici e geometrie tattiche alla sua Roma.

Strootman 6,6

Nelle ultime partite ci aveva abituato bene con prestazioni fin troppo ricche di effetti speciali. Stavolta si limita alla normalità, garantendo comunque sostanza in mezzo al campo dove ha la qualità, con palla agli avversari, di sapersi mettere quasi sempre sulle linee di passaggio. Becca un paio di randellate che, peraltro, ne certificano la pienezza di una ritrovata condizione fisica e atletica.

Emerson Palmieri 6,6

Mario Rui può attendere. Il brasiliano si riprende la sua fascia e lo fa con sempre maggiore autorevolezza, dimostrando di avere un sinistro educatissimo e un senso del gioco che è dei giocatori di qualità. Mette in area più di un pallone pericoloso, confermando di meritarsi la maglia da titolare. Sarà dura per Mario Rui riprendersela.

Nainggolan 6,6

Gioca un primo tempo in cui sembra non trovare mai la posizione giusta e il pallone lo prende poco e male, Cresce a dismisura alla distanza perché gli altri si stancano, lui si scalda con il passare dei chilometri. Sfiora il gol con un destro dalla distanza che si è sentito il botto a piazza Mazzini.

Perotti 6,3

Non è ancora il Perotti scintillante della passata stagione. E' protagonista comunque di innumerevoli strappi sulla fascia sinistra ma non sempre riesce a trasformarli in palloni invitanti per i compagni. Nel primo tempo fallisce un gol a botta sicura confermando che lui e la rete avversaria non è che si amino troppo.

Dzeko 7,3

Alla faccia di chi, ottusamente, continua a criticarlo. E' vero anche contro il Cagliari, nel primo tempo, fallisce un gol, ma è lui l'uomo partita, protagonista di una ripresa prepotente con il gol da tre punti segnato di forza e tecnica. In più prende una traversa clamorosa e da solo fa reparto. E' al ventesimo gol stagionale, c'è ancora qualcuno che vuole metterlo in dubbio?

 

El Sharawy sv

Entra nel momento in cui la Roma pensa solo a gestire.

Predes sv

Spiccioli di partita e niente più.

Vermalen sv

Minuti di recupero per Manolas. Non ha il tempo neppure di mettere alla prova le sue condizioni fisiche.

 

Spalletti 6,7

Se si tolgono le prime due partite del suo ritorno, nelle successive 38 ha fatto 92 punti. Basta? 

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom