Il giardiniere nel pallone

Alla mia maniera

condividi su facebook condividi su twitter 01-03-2017

| | Commenti →
Alla mia maniera

But more, much more than this, I did it my way...

Amico mio, eccomi qua, ancora una volta, a cantare, solo, come un vecchio pazzo.

Così mi ricorderanno, come un folle che ha scelto di vivere alla sua maniera.

Nonostante tutto.

Gli anni passano, amico, segnano e mutano l'animo di chi, come me, era convinto che mai avrebbe smarrito la voglia di lottare.

Oggi, amico mio, provo soltanto rabbia e rassegnazione.

Oggi che la fine è vicina mi sento solo un povero, vecchio illuso.

Qua, in mezzo al mare dell'omertà, ci si sente soli davvero. Io che avevo giurato che mai l'avrei abbandonata.

Io, proprio io, che ho rinunciato a tutto pur di sostenerla, di accompagnarla lungo l'intero cammino.

Ne ho viste troppe, amico, per credere in ciò che mi raccontano. Sono stanco di veder innalzare barriere inneggianti la libertà.

Io ero libero nell'abbraccio dopo un gol.

Senza filtri né artifici.

Senza muri e divisioni.

Fratello di uno sconosciuto, complice di un'autentica passione.

Io, amico, sarò libero nuovamente in quell'abbraccio.

Libero di tifare e sostenere il mio più grande amore.

Mi hanno tolto la Roma più bella, quella che solo la luna aveva avuto il coraggio di promettermi.

Le mie orecchie son troppo vecchie per credere alle favole. Negli anni ho dovuto scegliere cosa ascoltare e cosa invece non udire.

Mi parlano, amico mio, di dimostrazioni di civiltà.

Loro, proprio loro, così civili da decidere la misura della libertà: centodieci centimetri.

Talmente pochi da non permettere un abbraccio, quell'abbraccio per cui ho speso la mia vita.

No, non credo di poter comprendere.

Perché se è vero che in Curva Sud, la mia casa, anche il cemento si è armato degli stessi miei colori, be', lo si deve a chi, come me, l'ha fatto vibrare con cori e grida.

E questa sera, in questo derby così importante, sarà nudo, solo e abbandonato.

Proprio come me.

Solo, vecchio e pazzo in questo mare di idiozie.

E allora non mi resta che pensare a lei e cantare. Ma di farlo alla mia maniera.

And now, as tears subside, I find it all so amusing

To think I did all that

And may I say, not in a shy way,

"Oh, no, oh, no, not me, I did it my way"...

 

 

 

Fonte: diego fois

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

INSIDEROMA è una testata giornalistica on line di carattere sportivo/informativo/quotidiano con Autorizzazione del Tribunale di TIVOLI n. 182/13 del 05/02/2013
Insideroma.com - ©copyright 2016 | P.I. 1077625100 | Informativa sui Cookie | powered by Damicom S.r.l.
chiudi popup Damicom