Salute Ona Notiziario

L'ONA vola in Europa con una nuova iniziativa

condividi su facebook condividi su twitter 19-07-2019

| | Commenti →
L'ONA vola in Europa con una nuova iniziativa

Il Sottosegretario all’Ambiente Salvatore Micillo, con delega alle bonifiche, ha incontrato ieri una folta delegazione di imprenditori e rappresentanti di categoria, accompagnati da  alcuni amministratori locali della regione Toscana.

Era presente il consigliere regionale Giacomo Giannarelli, a suo tempo candidato presidente della Regione Toscana. I temi discussi hanno riguardato  lo stato di alcune produzioni regionali interessanti temi ambientali, la situazione delle bonifiche di SIN e SIR e le  situazioni critiche in atto generate dalla presenza di amianto.

Il Sott. Segr. On.Le Salvatore Micillo ha esteso l’invito all’ ONA – Osservatorio Nazionale Amianto, era presente il Presidente avv. Ezio Bonanni e l’arch. Giampiero Cardillo. L‘ illustre ospite, sui punti in discussione che interessano L’ONA (bonifiche e amianto), ha rimarcato la costante attività del Ministero per il risanamento del territorio, seguendo, attraverso gli Accordi di Programma, l’evoluzione della situazione dei quattro SIN toscani.

Ha assicurato che il Ministro dell’Ambiente, Gen. Sergio Costa, attraverso il DDL Cantiere Ambiente, terrà il tema della bonifica territoriale fra le priorità della sua agenda. Per l’amianto il Sottosegretario Micillo e i suoi esperti collaboratori hanno ribadito la volontà di trovare una soluzione al grave problema, che si manifesta in tutta la sua complessità sull’intero territorio nazionale, tanto da ritenere prudente stimare tempi moderatamente lunghi per ottenere risultati tangibili, nelle aree SIN, SIR ed anche nelle altre numerosissime giacenze conosciute e ancora sconosciute, pubbliche e private.

L’avv. Ezio Bonanni é intervenuto elencando con dovizia di particolari la situazione toscana circa le bonifiche ancora in fase di caratterizzazione e di Accordo di Programma non ancora operativo ed anche sulla situazione specifica dell’amianto contenuto in edifici pubblici e privati, che non trova ancora vie di soluzione concrete ed efficaci.  In particolare si è soffermato sulla condizione di rischio amianto nelle scuole, e di molti siti industriali, nella Regione Toscana come nel resto di Italia.

Il Presidente dell’ONA ha poi lamentato la situazione non ancora chiara circa i prepensionamenti di maestranze lungamente esposte all’amianto. Ha, inoltre, esposto la posizione dell’ONA circa la situazione dei risarcimenti a favore di chi é stato duramente colpito dall’esposizione all’amianto.

Infine ha chiesto al cortese ospite notizie circa l’esito della Commissione di lavoro sull’amianto, voluta recentemente dal Ministro Costa, cui l’ONA ha partecipato attivamente inviando il 27 giugno scorso un proprio elaborato-proposta redatto a firma congiunta Bonanni-Cardillo.

Il Sottosegretario Micillo ha promesso il suo cortese interessamento presso il Presidente della Commissione Guariniello perché si tenga al più presto una riunione collegiale per l’integrazione e lo scarto delle proposte pervenute da tutti i Commissari.

L’arch. Cardillo si associa all’avv. Bonanni nell’accogliere con gratitudine l’interesse del Sottosegretario per i lavori della Commissione di riforma della legislazione sull’amianto e in generale per la grande e sincera disponibilità che il Ministero mostra di avere sul grave problema dei veleni che devastano ampi territori del Paese.

Ha poi soggiunto che il quadro operativo emerso dalla discussione, riguardante la situazione Toscana, dimostra quanto urgente sia poter disporre di Istituzioni in grado di immaginare e mettere in azione procedimenti assai diversi dall’attualità, gravata com’è  da troppi ostacoli procedurali, che faticano oltremodo anche per raggiungere il solo stadio pre-operativo.

Stadio che in genere naufraga in un mare di conflitti, ripensamenti e incongruenze istituzionali, sino a dover imporre il Commissariamento che, però, elimina solo in minima parte l’incastro perfetto delle contraddittorie competenze che si scatenano in ogni fase del processo.

L’arch. Cardillo ha escluso che l’aumento del numero  attuale di discariche autorizzate per l’amianto possa essere la soluzione. Occorre che le discariche vecchie e nuove diventino delle aziende di trattamento finale per l’inertizzazione , utilizzando i numerosi brevetti italiani oggi reperibili e premiando sul piano fiscale, previdenziale e anche sul piano urbanistico chi voglia impegnarsi nel trasformare la discarica affidatagli in una azienda produttiva con provvidenze nazionali ed EU.

L’arch. Cardillo ha sottolineato come uno dei convenuti ha contato in tredici anni il tempo occorso per addivenire ad una caratterizzazione di uno dei SIN- SIR toscani. Con una tempistica inferiore, attraverso una innovativa formula applicata in Germania nella inquinatissima Valle della Ruhr, grande come il Lazio, si sono conclusi i lavori di bonifica dopo aver raccolto ingenti investimenti privati, aggiunti ad un moderato intervento pubblico, hanno raggiunto la notevole massa critica di risorse e progetti operativi auto-finanziati  di cui abbisogna la bonifica di grandi territori, rigenerandone la redditività e la piena socialità.

Ma se si vuole trasformare la bonifica in una rigenerazione attiva del territorio, occorre premiare il capitale privato investito con previsioni certe di valorizzazione fondiaria, della quale in seconda istanza, nel lungo termine, tutta la Nazione ne beneficerà.

Se é vero che chi inquina deve bonificare, é anche vero che non sempre é ragionevole immaginare di poter rintracciare colpevoli solvibili nell’attualità, perché possano sostenere l’onere associato a procedimenti troppi lunghi e incerti, anche con il concorso di fondi pubblici, che immancabilmente si disperdono nelle maglie di conflitti e eterogenei scopi istituzionali contrapposti.

Ha esemplicato con i numero ragguardevole di piccoli giacimenti di amianto nei condomini romani costruiti prima del ‘92, con incolpevoli co-proprietari e con i kilometri di condotte d’acqua di cui nessun ente locale o di gestione potrà sopportarne la sostituzione, a meno di un insopportabile premio tariffario.

Nel lavoro della Commissione di riforma della legislazione L’ONA ha prodotto ipotesi di lavoro legislativo che rendano possibile ciò che non é ragionevolmente possibile allo Stato: avere a disposizione ingenti capitali per investimenti al fine di rigenerare territori avvelenati, eliminare grandi reti di manufatti in amianto composto, eliminare centinaia di migliaia di micro-siti palesi o ancora nascosti attorno a noi.

Premiare con fantasia legislativa e amministrativa il capitale che rischia nella rigenerazione ambientale, assicurando tempi e quantità certe di remunerazione in qualsiasi forma ( ritorno per gestione, premio urbanistico, premio fiscale, co-finanziamento garantito )al di là del naturale rischio d’impresa.

L’ONA si è fatto promotore della organizzazione della conferenza Europea sul rischio amianto, in piena collaborazione con il Vicepresidente del Parlamento Europeo, Fabio Massimo Castaldo, politico illuminato, attento alle problematiche ambientali e al fianco dell’ONA nella tutela delle vittime in chiave evidentemente preventiva e poi nella diagnosi precoce, nelle terapie migliori, e nella tutela dei diritti delle vittime.

“La lungimiranza politica dell’On.Le Fabio Massimo Castaldo, lo ha portato a condividere l’iniziativa dell’ONA di una conferenza europea sull’amianto. In questo modo i problemi verranno affrontati in una conferenza Europea. Occorre porre al centro dell’agenda della politica e delle istituzioni europee, il tema amianto, a partire dagli strumenti tecnico normativi e legislativi, finanziari e fiscali, per potere, tutti insieme, in una sinergia sia nella ricerca, sia nella industrializzazione dei sistemi di inertizzazione sicura e per una normativa comunitaria uniforme che preveda un Fondo Vittime Amianto su base europea, su modello del Fondo Vittime Amianto in Francia, che in parte è stato importato anche in Italia, anche se con assenza delle necessarie risorse economiche e di strumenti tecnico normativi, adeguati alla deflazione del contenzioso” – dichiara il presidente ONA.

Nel corso della conferenza, si potranno presentare tutte le proposte di ONA, per una organizzazione su base regionale UE, sia per agganciare la ricerca anche alle istituzioni tedesche e francesi, sia, in generale, ad organizzazioni più efficienti.

La grande Impresa Federale Europea è proprio questo: tema per tema superare per patti EU le difficoltà dei Paesi, di fronte a temi e problemi, come quello dell’amianto, che hanno un contenuto globale, soprattutto dal punto di vista finanziario.

Il programma ONA (Progetto ONA), presuppone la necessità di un protocollo EU delle discariche protette per ogni regione in Italia, come nel resto d’Europa; un registro tumori europeo, con la precisione di quello tedesco; creazione di centri medici EU, con personale di tutti i Paesi.

A cura dell’avv. Ezio Bonanni e il Gen. Giampiero Cardillo

Fonte: Ufficio Stampa ONA

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom