Dietro la lavagna

Roma-Bologna 3-0: le pagelle di Piero Torri

condividi su facebook condividi su twitter 06-11-2016

| | Commenti →
Roma-Bologna 3-0: le pagelle di Piero Torri

Szczeny 7,1

Due partite consecutive senza gol forse non se le ricordava neppure lui. E' vero che non è quasi mai chiamato a garantire gli effetti speciali, ma Coso quest'anno riesce a darmi un senso di sicurezza che la stagione passata era solo un'ipotesi. Se continua così, e me lo auguro con tutto il cuore, Alisson dovrà mettersi il cuore in pace e consolarsi con le Coppe.

 Bruno Peres 6,3

Quando parte ti dà sempre la sensazione che possa spaccare il mondo, ma il problema è che non sempre riesce a concretizzare in qualità una corsa che può fare la differenza. Peraltro non può essere al cento per cento visto che è rientrato da poco da un problema muscolare. Per lui la sosta è un toccasana, allenarsi un paio di settimane può garantirgli un ritorno alla condizione migliore. Sperando, comunque, che cresca anche dal punto di vista delle scelte in campo.

 Rudiger 6,7

In crescita esponenziale. Almeno nel primo tempo ho rivisto il prepotente tedescone della sua prima stagione romanista, capace fisicamente di sovrastare chiunque gli si presenti dalle sue parti. Visto che è stato fermo per infortunio quasi cinque mesi, vederlo in queste condizioni ci strappa un grande sorriso pensando al prossimo futuro.

 Fazio 6,9

E meno male che non era al cento per cento. L'argentino si piazza al centro della difesa e comanda che è un piacere, non sbagliando mai posizione cosa che gli consente di ridimensionare una velocità non eccelsa. Quando De Rossi scala al centro della difesa, continua a dispensare saggezza tattica. Il problema nascerà quando Spalletti avrà tutti i centrali a disposizione perché tenere fuori questo spilungone argentino non sarà semplice. Però ad avercene di problemi così.

 Juan Jesus 6,4

Si becca pure qualche applauso dall'Olimpico, roba che per lui è un inedito o quasi. Presidia la sua zona con sufficiente posizione e concentrazione, non lasciandosi andare a errori che, in passato, sono stato il suo tallone d'achille. Se continuerà ad ascoltare con attenzione i consigli di Spalletti, è destinato a diventare una riserva extralusso.

 De Rossi 7,2

Dominatore del centrocampo. Gioca un primo tempo vintage, dispensando intelligenza, qualità tecnica, senso della partita e delle geometrie. Da tempo non lo vedevamo così continuativamente su questi livelli da campione. Ne sono felice perché nessuno come lui se lo merita. E se qualcuno osa dire che sta giocando così perché è in scadenza di contratto, sono pronto alla rissa.

 Strootman 6,4

Quello vero è tutta un'altra cosa. Questo sbaglia un paio di controlli che, al top della condizione, farebbe bendato. Però a mio giudizio fa la cosa più bella della partita. Il secondo gol è tutto suo, capisce in anticipo quello che si appresta a fare il difensore del Bologna, va in anticipo sul pallone, se lo prende e con una verticalizzazione da campione dà a Salah un pallone con i giri contati. Spero che la sosta ce lo restituisca in crescendo di forma e allora ci sarà da divertirsi.

 Salah 8,8

Devastante. Tre gol per salire a quota otto, ma ne poteva fare il doppio. Strappa che è un dispiacere per gli avversari, la sosta in panchina gli ha fatto bene restituendolo alla Roma e a Spalletti in forma straordinaria. I difensori del Bologna alla fine della partita hanno tutti chiesto una pillola contro il mal di testa. Mozione: si può fare qualche cosa per annullare la coppa d'Africa?

 Nainggolan 6,8

Il ct belga Martinez non lo ha convocato e la cosa non può che farci piacere, ma credo abbia sbagliato perché l'uomo con la cresta che mi sta più simpatico, sta tornando quello dei giorni migliori. E' il primo che va a cercare il pallone quando è tra i piedi dei difensori del Bologna, non ha mai paura di mettere il piede, ha ritrovato la condizione atletica migliore che gli garantisce novanta minuti in crescendo.

 Perotti 7,7

E' tornato. E' vero che davanti aveva una sottiletta un po' scaduta, ma Kraft gli ha visto sempre e soltanto le chiappe. L'argentino gli ha girato intorno ogni volta che voluto (presente il primo gol?), rifornendo palloni in maniera industriale alle sue punte anche se quei palloni non sempre sono stati sfruttati nella maniera più incisiva. Il suo recupero al top, è una garanzia straordinaria per il futuro di questa stagione.

 Dzeko 6,9

Gli è mancato soltanto il gol che, peraltro, avrebbe meritato con quel destro a rientrare arrivato dopo una galoppata fatta di forza fisica e tecnica. Sta bene e si vede, soprattutto per come gioca a favore della squadra, garantendo cose importanti anche in fase di passaggio illuminante.

 Paredes 6,6

Entra nel secondo tempo per garantire il possesso del pallone. Lo fa.

 Gerson sv

Uno spezzone di partita tanto per continuare a prendere confidenza con il calcio italiano.

 El Sharawy sv

Meriterebbe di giocare di più, ma come si fa a tenere fuori uno tra Perotti e Salah?

 Spalletti 8,1

Ha ricostruito la Roma. Che è bella, convincente e, ancora, con margini di crescita. C'è molto del tecnico in tutto questo perché è uno che capisce di calcio e calciatori come pochi al mondo.

Fonte: Piero Torri

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

Gianfranco 14/11/2016 - Ore 12:13

Non sapevo di questa tua nuova attivita', mo me toccherà leggerla. Ciao

chiudi popup Damicom